Archive from luglio, 2016
Lug 25, 2016 - Musica Vanity    No Comments

CLUB 27 Rock Maledetto

Pagina Prova m MUSICA

CLUB 27 Rock Maledetto

CLUB 27 Rock Maledetto

 

CLUB 27 Rock Maledetto“Nessuno vuole stare con me perché io sono innamorata del rock’n’roll. Io sono una suora. È inutile chiedermi con chi vado a letto. Ho una forte sessualità ma la sfogo nella musica. Il mio sogno è godere sul palco.”

Gianna Nannini (Video America)

CLUB 27 Rock Maledetto

 

Lettera blob jimi Hendrix, Brian Jones, Jim Morrison, Janis Joplin, Amy Winehouse, Kurt Cobain.

Che cosa lega indissolubilmente queste Rock star. Certamente una morte prematura. Il Rock come tutti ben sanno porta a una vita fatta di eccessi, alcol, droga, vita spericolata ecc. ecc.

Il fattore che però li unisce in modo impressionante è l’età della loro morte, appunto 27 anni, da cui il “club 27”.

Un altro strano particolare anche un po’ macabro è che la loro maggioranza porta come iniziale la lettera J.

Esaminiamoli, facendo un tuffo dai primi anni 30, passando per i favolosi 60/70, sino ad arrivare ai nostri giorni.

 

CLUB 27 Rock Maledetto

vanitystylemag

belle631

 

CLUB 27 Rock Maledetto  JIMI HENDRIX

Un pioniere della chitarra, i suoi virtuosismi incantano ancora oggi, chi non ricorda la chitarra suonata con i denti o l’inno americano da lui suonato in maniera distorta. Fu ritrovato privo di conoscenza nell’appartamento della sua ragazza. Ci fu una corsa inutile in ospedale, dove poco dopo morì. Il coroner determinò che Hendrix morì soffocato dal proprio vomito dopo un’overdose di barbiturici.

Aveva ventisette anni era il 18 settembre 1970.

https://www.youtube.com/watch?v=wDvlErh5zcc

Brian Jones  CLUB 27 Rock Maledetto

 Fondatore con Jagger e Richards degli Stones. Era un polistrumentista molto eclettico e innovativo per la band.

 Morte accidentale o omicidio?

È la domanda che molte persone si posero dopo il ritrovamento del cadavere. Fu trovato annegato sul fondo della sua piscina. L’autopsia stabilì che la morte sopravvenne a causa dei continui abusi di alcol e droga che ormai avevano gravemente danneggiato il fisico di Brian. Morte accidentale si lesse nel referto. Subito scoppiarono una marea di polemiche. In molti ritennero sospetta la morte e ipotizzarono un omicidio. Un giornalista investigativo accusò senza mezzi termini la polizia locale di coprire gli autori del crimine. Nel 2009 la polizia riesaminò il caso, giungendo però alla stessa conclusione della prima indagine.

 Era il 3 Luglio 1969

https://www.youtube.com/watch?v=2yClt_hDRqs

 

CLUB 27 Rock Maledetto  Janis Joplin

Una delle più belle voci rock/Blues di quegli anni. Tagliente, sofferente incarnava il tipico spirito ribelle dei favolosi sixties.

Appena sedici giorni dopo la morte di Hendrix fu ritrovata priva di vita in un albergo a Hollywood. La causa del decesso fu un’overdose di eroina.

Morì il 4 Settembre 1970

https://www.youtube.com/watch?v=EkPq3UaCLpg

 

Jim Morrison  CLUB 27 Rock Maledetto

Il front man carismatico dei Doors. Il Dio Lucertola o Serpente era il suo soprannome tra i fans.

Un infarto nella vasca da bagno pose fine alla sua vita. Si trovava a Parigi nell’appartamento che condivideva con la sua ragazza Pamela Courson. Non fu mai eseguita nessuna autopsia, portando molti a mettere in dubbio le circostanze della morte. La ragazza testimoniò che Jim sniffò eroina credendola cocaina. La sua tomba a Parigi è meta di un continuo e incessante pellegrinaggio.

 Morì il 3 Luglio 1971

https://www.youtube.com/watch?v=k9o78-f2mIM

 

CLUB 27 Rock Maledetto  Robert Johnson

Di Lui si diceva che avesse stretto un patto con il diavolo. In cambio dell’anima il maligno avrebbe donato a Robert una maestria soprannaturale nel suonare la chitarra. Ormai si possono trovare solo poche sue fotografie, sgranate e ingiallite dal tempo.

In molti sostengono che sia stato avvelenato.

Era il 16 Agosto 1938

https://www.youtube.com/watch?v=dkftesK2dck

 

Amy Winehouse  CLUB 27 Rock Maledetto

 Fu ritrovata dalla sua guardia del corpo ormai priva di conoscenza nel suo appartamento a Londra.

Dotata di una fantastica voce soul/blues, in pochi anni aveva incantato il mondo con i suoi album e concerti. Una vera icona amata e idolatrata dai fan. Come Brian Jones, la sua morte fu ritenuta accidentale. Consumò tre bottiglie di vodka. s’ipotizzò un’intossicazione da alcol che le bloccò la respirazione.

Era il 23 Luglio 2011

https://www.youtube.com/watch?v=TJAfLE39ZZ8

 

CLUB 27 Rock Maledetto  Kurt Kobain

Come Janis Joplin fu un’icona per gli anni 60, così Kobain lo fu per i 90.

Leader carismatico dei Nirvana. I suoi testi rispecchiavano l’apatia, l’angoscia e la depressione del movimento grunge, di cui i Nirvana ne furono la massima espressione. Il successo non lo distolse dalla dipendenza all’eroina e a gravi crisi depressive.

Si tolse la vita sparandosi con un fucile da caccia. La madre in un momento di disperazione disse “Anche Kurt si è unito a quello stupido club”.

Era il 5 aprile 1994

https://www.youtube.com/watch?v=hTWKbfoikeg

 

Kristen  Pfaff  CLUB 27 Rock Maledetto

Il gruppo delle Hole capitanato da Courtney Love (moglie di Cobain) aveva un’ottima bassista, Kristen Pfaff. Entrò nelle Hole proprio prima di registrare una delle loro Hit più famose “Live through this”.

 Fu stroncata da un’overdose di eroina.

 Era il 15 Giugno 1994

https://www.youtube.com/watch?v=v0CYB5V9e64

 

Il club conta anche tanti altri musicisti, magari meno famosi ma accumunati da una morte prematura a 27 anni.

CLUB 27 Rock Maledetto

CLUB 27 Rock Maledetto

 

Pagina Prova m CLUB 27 Rock Maledetto

 

Rivistabellepdf16-2 copiaVanityStyle

Pagina Prova m POST MUSICA

HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)

 

P.S. Voglio scusarmi con le signore o le ragazze che mi hanno scritto in post precedenti. Mi avranno preso per maleducata. Purtroppo ho un problema con la mail. Appena sistemata (non so quando. Il tecnico non riesce a risolvermi il problema) vi risponderò subito.belle

Lug 20, 2016 - News Vanity    No Comments

SHOPPING DIPENDENZA ecco i segnali da tenere d’occhio

Pagina Prova n NEWS-ATTUALITA’

SHOPPING DIPENDENZA ecco i segnali da tenere d’occhio

SHOPPING DIPENDENZA ecco i segnali da tenere d’occhio

 

indexQuando le donne sono depresse mangiano o fanno shopping. Gli uomini invadono un altro paese.

Elayne Boosler

 

 

SHOPPING DIPENDENZA

ecco i segnali da tenere d’occhio

vanitystylemag

belle631

Lettera blob shopping, una parola che a noi donne suscita piacere. Il classico shopping con le amiche, ore e ore a guardare negozi e vetrine. Penso sia il nostro hobby preferito. Torniamo a casa con tanti o pochi pacchi, ma comunque contente e felici. Gli uomini non capiscono quanto una donna sia felice in mezzo a scarpe, vestiti o cosmetici da provare e riprovare.

 

SHOPPING DIPENDENZA ecco i segnali da tenere d’occhio

SHOPPING DIPENDENZA ecco i segnali da tenere d’occhio

 

Come in tutte le cose, quello che per molte è una gioia, non deve sconfinare in un incubo o per meglio dire in una vera e propria dipendenza, specificatamente una shopping dipendenza.

Sembra una cosa buffa, che fa sorridere, ma si tratta di una vera e propria sindrome e non deve essere assolutamente sottovalutata.

In internet ho trovato un interessante studio dell’università di Bergen in collaborazione con la Stanford University in cui sono riportate sette condizioni che possono far capire se una persona soffre di Shopping Dipendenza.

SHOPPING DIPENDENZA

ecco i segnali da tenere d’occhio

  1. Pensare sempre allo shopping, quasi come se si trattasse di un pensiero ossessivo che non riesce in alcun modo e in alcuna situazione a essere evitato;

  2. Fare shopping con la speranza che questo possa aiutare a risollevare l’umore;

  3. Avere un calo di rendita nelle proprie attività giornaliere proprio a causa dello shopping, non riuscire ad esempio a essere concentrati sul lavoro perché si pensa già a quando dopo l’ufficio si avrà la possibilità di andare per negozi o non studiare abbastanza per poter andare a fare shopping il prima possibile;

  4. Sentirsi soddisfatti solo acquistando sempre più;

  5. Provare il desiderio di acquistare meno senza però riuscire a raggiungere quest’obiettivo;

  6. Provare malessere nel caso in cui non si possa andare a fare shopping;

  7. Essere consapevole che acquistare così tante cose possa compromettere, o abbia addirittura già compromesso, il proprio benessere.

 

SHOPPING DIPENDENZA ecco i segnali da tenere d’occhio

SHOPPING DIPENDENZA ecco i segnali da tenere d’occhio

 

Com’era prevedibile secondo la ricerca, a soffrire di più di shopping dipendenza siamo noi donne.

Tutto prende il via durante il nostro periodo adolescenziale. La ragazza presa dai continui cambiamenti in cui è soggetta durante quegli anni, vede lo shopping come una via di fuga o di relax per se stessa.

Il rapporto continua in modo intenso anche durante l’età adulta, per poi decrescere con il passare degli anni.

SHOPPING DIPENDENZA ecco i segnali da tenere d’occhio

SHOPPING DIPENDENZA ecco i segnali da tenere d’occhio

Le persone ansiose sono le più propense alla shopping dipendenza, così come le persone che soffrono di depressione e che non hanno un’autostima particolarmente elevata.

Può essere a rischio anche la persona dal carattere estroverso. Lo shopping potrebbe diventare per lui o lei in questo caso una ricerca di miglioramento del proprio status sociale, attraverso continui acquisti sia costosi, sia originali.

Il pericolo, corre anche sul filo, o meglio sul web. Oggi per fare acquisti basta un semplice click. Questa semplicità ha però il suo rovescio, in pochi secondi si possono spendere, in alcuni casi senza accorgersene, tanti e tanti soldi.

Se pensate di soffrire di shopping dipendenza, la soluzione o per meglio dire l’aiuto deve essere chiesto a uno psicologo o psicoterapeuta. Probabilmente avete, infatti, delle ansie, una depressione di cui ancora non siete consapevoli o qualche altro malessere di cui avete bisogno di parlare e che avete bisogno di superare. Vedrete che parlarne con qualcuno vi farà bene ed eliminando alla radice il problema che vi affligge anche la dipendenza dallo shopping, vedrete che scomparirà.

SHOPPING DIPENDENZA ecco i segnali da tenere d’occhio

SHOPPING DIPENDENZA ecco i segnali da tenere d’occhio

Quindi Care Amiche, se anche non avete l’ultimo modello CHANEL o le ultime scarpe di MANOLO BLAHNIK… la vita continua.

Io mi posso definire una via di mezzo. Mi piace fare shopping, come a tutte noi. Cerco però di viverlo più che altro come un’occasione per stare e divertirmi con le amiche.

 

SHOPPING DIPENDENZA ecco i segnali da tenere d’occhioI LOVE SHOPPING TRAILER

 

 

 

SHOPPING DIPENDENZA

ecco i segnali da tenere d’occhio

 

Rivistabellepdf16-2 copiaVanityStyle

Pagina Prova n POST NEWS-ATTUALITA’

 

 HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)

 

Lug 14, 2016 - Cucina    No Comments

Fusilli melanzane e mozzarella un piatto semplice e gustoso

Pagina cucina CUCINA

Fusilli melanzane e mozzarella un piatto semplice e gustoso

 

Sheilah_Graham_WestbrookIl cibo è la forma più primitiva di conforto.

Sheila Graham

 

 

 

Pagina cucina CUCINA

Fusilli melanzane e mozzarella

un piatto semplice e gustoso

vanitystylemag

belle631

Lettera blob capita a tutte, una telefonata improvvisa, veniamo a pranzo o cena da te, non facciamoci prendere dal panico, bastano pochi semplici ingredienti e riusciremo a preparare qualcosa di gustoso, che i nostri commensali apprezzeranno. Sia che si tratti di un incontro tra amiche o di qualcosa di più, il buon esito è assicurato. Ecco la prima di alcune ricette tipicamente estive, ma buone per tutti i periodi dell’anno.

 

Fusilli melanzane e mozzarella

un piatto semplice e gustoso

 

Fusilli melanzane e mozzarella un piatto semplice e gustoso

Fusilli melanzane e mozzarella un piatto semplice e gustoso

Ricetta: Facile 

Origine del piatto: Italiana

Tempo di realizzazione: 45 m.

Dosi:  4 persone

Calorie/porzione: 435 kcal

 

La Melanzana

63522-_MelanzanaLa melanzana è una verdura estiva il cui periodo di produzione va da giugno a ottobre anche se oggi quest’ortaggio è presente tutto l’anno nei banchi del mercato.
Le sue varietà sono numerose e si distinguono per la forma, che può essere tonda, allungata o ovale, ma anche per il colore.

Prima di acquistarle è necessario prendere piccoli e importanti accorgimenti.
Innanzitutto, bisogna controllare che il picciolo sia ancora attaccato al frutto, che il suo colore sia verde, che non presenti parti secche e che la buccia della bacca si presenti liscia, tesa e lucida con la polpa soda.

PREPARAZIONE

Fusilli melanzane e mozzarella un piatto semplice e gustoso

Fusilli melanzane e mozzarella un piatto semplice e gustoso

Per preparare la pasta con melanzane e mozzarella dovete prima di tutto lavare e mondare le melanzane.
Dopodiché, tagliatele a fettine sottili.
Ad operazione conclusa, mettete un po’ d’olio extravergine d’oliva in una pentola con lo spicchio d’aglio mondato, lavato e tritato in precedenza. Quindi, fate rosolare le melanzane.

Una volta che saranno ben rosolate, uniteci il prezzemolo tritato, il dado sbriciolato e il vino bianco. A questo punto, continuatene la cottura per 15 minuti.
Trascorso il tempo indicato, spegnete il gas e dedicatevi a lessare la pasta in abbondante acqua salata.
Quando anche i fusilli saranno cotti, scolateli e versateli nella pentola dell’intingolo realizzato in precedenza.

Ora aggiungete la Mozzarella tagliata a dadini, il parmigiano grattugiato e la panna.
Terminate la vostra pasta melanzane e mozzarella facendola cuocere ancora per alcuni minuti e mescolandola senza sosta.

Spento il fuoco, servitela calda.

 

Fusilli melanzane e mozzarella un piatto semplice e gustoso

 

Pagina cucina CUCINA

ALTRE RICETTE CUCINA VANITY

 

HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)

 

P.S. Voglio scusarmi con le signore o le ragazze che mi hanno scritto in post precedenti. Mi avranno preso per maleducata. Purtroppo ho un problema con la mail. Appena sistemata (non so quando. Il tecnico non riesce a risolvermi il problema) vi risponderò subito.belle

 

bellepdf16-2 copiaRivista VanityStyle

 

 

Lug 7, 2016 - News Vanity    No Comments

OGGI MI SPOSO DA SOLA… ovvero il matrimonio fai da te

 Pagina Prova n NEWS-ATTUALITA’

OGGI MI SPOSO DA SOLA

OGGI MI SPOSO DA SOLA

 

Shelley-WintersTutti i matrimoni sono felici. E’ cercare di vivere insieme dopo che causa i problemi.

Shelley Winters

 

 

OGGI MI SPOSO DA SOLA

Un’idea venuta a un’agenzia turistica giapponese, che riporta enorme successo tra le single del Sol Levante. Matrimoni per donne sole, con tanto di bouquet e book fotografico.

vanitystylemag

belle631

Lettera blob nella rete come tutte ben sapete Care Amiche è possibile trovare di tutto. Una sera mentre guardavo abiti da sposa, saltando da un sito all’altro, gli occhi mi cadono su un annuncio in inglese che pubblicizza, matrimonio per donne sole.

Incuriosita, sono entrata nel sito ed ho iniziato a leggere.

 

 

OGGI MI SPOSO DA SOLA

L’Agenzia (Cerca Travel) oltre ai normali pacchetti turistici, ne include un chiamato “Solo Wedding”. È un’opportunità che è offerta a donne single, o donne sole, com’è meglio precisato. Per sole, s’intende non accompagnate da uno sposo.

Ha sede a Kyoto, l’antica capitale giapponese, famosa per i suoi templi e i fantasmagorici giardini Zen.

OGGI MI SPOSO DA SOLA

OGGI MI SPOSO DA SOLA

 

LA PROPOSTA

Cerca Travel, propone un pacchetto di due giorni, specialmente riservato dato il costo, alle cosiddette “donne in carriera”. L’idea è semplice, se ci amiamo, perché rinunciare al nostro giorno più bello, solo per la mancanza di un uomo. Godiamoci i preparativi e il fatto di essere, anche solo per poche ore al centro dell’attenzione. Questa è più o meno la sintesi della prima parte dell’offerta.

IL PACCHETTO

L’incontro con lo staff è il primo passo, per delineare il matrimonio. Il pomeriggio è dedicato alla scelta dell’abito e del bouquet. Si spazia dal classico Kimono, ad abiti di tipica fattura occidentale. Tutti però veramente curati e raffinati.

Nel tardo pomeriggio trasferimento in hotel con pernottamento incluso. Segue una cena, che è una sorta di addio al nubilato, con menù a scelta (giapponese, cinese o europeo). Se ci si vuole coccolare ancora un poco, con un extra è prevista una seduta a un Beauty Center. Poi tutte a nanna, per il giorno più bello.

 IL GIORNO PIU’ BELLO

 Ore 09:30

Trucco e parrucco. Parrucchiere e truccatore renderanno la sposa perfetta per il servizio fotografico.

 Ore 11:00

OGGI MI SPOSO DA SOLA

OGGI MI SPOSO DA SOLA

Trasferimento al Giardino Shugakuin Kirara Sanso. Con un’aggiunta di 54.000 yen (circa 370 Euro) si può avere la presenza di un modello che fungerà da sposo.

Un the con il fotografo e lo staff dell’agenzia, permetterà alla Sposa di vedere gli scatti effettuati, che le saranno poi recapitati direttamente a casa.

 L’OFFERTA

L’iniziativa ha avuto talmente successo, che per prenotarsi bisogna armarsi pazienza e aspettare che qualcuna… non si sposi più. Il servizio non è rivolto solo alle giapponesi. Nel prezzo è inclusa anche una guida parlate in inglese, francese e russo.

Se volete prenotarvi o avere informazioni questo è l’indirizzo:

http://www.cerca-travel.com/english/tailor-made-kyoto-taxi-plan/kyoto-solo-wedding-experience-tour/

 Conclusioni

Mi sono molto divertita a leggere quest’idea. Ho cercato anche di immedesimarmi come futura sposa su quale abito e bouquet scegliere. Poi ripensandoci mi ha suscitato un po’ di tristezza.

 Voi cosa né pensate Care Amiche?

 

OGGI MI SPOSO DA SOLA

 

Rivistabellepdf16-2 copiaVanityStyle

Pagina Prova n POST NEWS-ATTUALITA’

 

 HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)