Mag 30, 2016 - Cucina    No Comments

MILLEFOGLIE DI ROMBO CHIODATO CON PROVOLA E BASILICO

Pagina cucina CUCINA

retro-kitchen

 

1396121393-paola-maugeri-presenta-il-suo-libro-a-modicaLe ricette di cucina sono un bene universale estremamente democratico, un tesoro che appartiene a tutti e che come le sette note può essere combinato in migliaia e migliaia di modi e diventare personale, a volte unico.

Paola Maugeri

 

 

Pagina cucina CUCINA

 

Millefoglie di Rombo chiodato con provola e basilico

vanitystylemag

belle631

 

 

Lettera blob amate il pesce, non fatevi sfuggire questa ricetta, dal sapore delicato e raffinato.  Di sicuro ci sarà chi vi chiederà il bis!

 

 

 

 

 

Ricetta: difficile 

Origine del piatto: Italiana

Tempo di realizzazione: 1 h

Dosi:  4 persone

Calorie/porzione: 550 kcal

MILLEFOGLIE DI ROMBO CHIODATO CON PROVOLA E BASILICO

MILLEFOGLIE DI ROMBO CHIODATO CON PROVOLA E BASILICO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ingredienti  :

☞ 2 rombi chiodati da 600 gr
☞ 250 gr di provola
☞ basilico
☞ 1 costa di sedano
☞ 1 zucchina
☞ 1 carota
☞ 1 melanzana
☞ 1/2 peperone rosso e 1/2 giallo
☞ 2 pomodori ramati
☞ origano
☞ 50 gr di semola
☞ 50 gr di olive nere
☞ capperi

fumetto di pesce – olio extravergine d’oliva

Esecuzione :

Per il fumetto: rosolate le lische del rombo con olio, aglio, prezzemolo, cipolla e sedano, aggiungendo poi vino bianco secco e acqua. A cottura, filtrate.

Salate, pepate e condite con olio i filetti di rombo puliti, impanateli nella semola e scottate in padella con un filo d’olio.
Tagliate le verdure a cubetti e stufatele con aglio e olio, aggiungendo sale e pepe. Tagliate a parte i pomodori spellati e puliti e condite con olio, olive, capperi, origano, sale e pepe.
Fate la millefoglie alternando il rombo con provola e basilico e infornate a 180° c 5 minuti.

Presentazione :

Impiattate così: prima le verdure stufate, poi l’insalata di pomodori e infine la millefoglie. Aggiungete il fumetto e una cialda di pane.

Piccolo segreto:

Il fumetto di pesce perfetto si ottiene aggiungendo ghiaccio alla bollitura e cuocendo a fuoco lento senza mai mescolare.

Millefoglie di Rombo chiodato con provola e basilico

Pagina cucina CUCINA

ALTRE RICETTE CUCINA VANITY

 

HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)

 

P.S. Voglio scusarmi con le signore o le ragazze che mi hanno scritto in post precedenti. Mi avranno preso per maleducata. Purtroppo ho un problema con la mail. Appena sistemata (non so quando. Il tecnico non riesce a risolvermi il problema) vi risponderò subito.belle

 

bellepdf16-2 copiaRivista VanityStyle

Mag 25, 2016 - Fashion Vanity    No Comments

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a te

Pagina Prova fashion FASHION

 Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a te

 

 

images-3Io baso il mio senso della moda su ciò che non prude.

Gilda Radner

 

 

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a te?

Il colloquio di lavoro. Una di quelle situazioni che per noi donne è una notevole fonte di stress o in alcuni casi di vero e proprio panico.
vanitystylemag

belle631

 

 

 

Lettera blob oltre alla paura di non essere all’altezza, per noi c’è anche quella: oddio cosa mi metto?

No così sono troppo evidente, no così troppo formale, passiamo in alcuni casi ore per decidere cosa indossare.

Se vogliamo adeguarci al mondo del lavoro, dobbiamo puntare su colori adatti per quest’evento.

Sono principalmente tre i colori che sono ritenuti più giusti per un colloquio. Il nero, il blu e il grigio antracite.

Gli uomini possono puntare su un completo. Noi donne abbiamo una scelta più ampia. Da un lato è positivo, dall’altro la nostra eterna volubilità ci porta ad amletici dubbi.

 

Gonna, pantalone o abito intero.

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a te

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a te

Una volta scelto, apriamo l’armadio (il nostro scrigno magico), convinte e… però (a me capita spesso) quella gonna rossa quasi quasi la metto.

Ecco un altro dilemma, i colori accesi posso indossarli! Rosso, rosa, azzurro andranno bene.

La risposta è sì, il tocco di colore deve però essere abbinato a un colore standard.

Facciamo un esempio, una giacca colorata, deve essere abbinata a una gonna o a un pantalone a colore basico (i tre prima citati).

Anche gli uomini hanno i loro piccoli problemi. Uno di questi è la camicia. Come sempre per loro la soluzione è semplice. Puntate sul bianco o l’azzurro chiaro.

Dopo questo piccolo excursus nell’abbigliamento, tentiamo di fare una disamina sul colore e il suo significato.

Nella maggior parte dei casi il colore, lo scegliamo in base alla nostra carnagione o al colore dei nostri occhi o dei capelli. I colori che indossiamo danno però a chi ci vede un’immagine ben specifica di noi.

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a te?

 

Esaminiamoli:

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl nero: perfetto per gonne, pantaloni o tailleur. Per un uomo, il tutto nero è forse troppo esagerato. Anche noi donne, cerchiamo di abbinarlo con un tocco di colore, come visto prima. Attenzione ai tessuti color nero economici, danno l’idea di apparire sbiaditi.

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl blu oltremare: il must per il mondo del lavoro. Integrità e professionalità sono le sue caratteristiche. Oltretutto è facile da abbinare. Una pecca; può apparire un po’ noioso.

 

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl grigio antracite: sinonimo di eleganza e raffinatezza. Va bene per qualsiasi incarnato. Perfetto per una gonna.

 

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl grigio: sembra un colore spento, ci dà l’idea di persona noiosa. Se sei molto abbronzata, evitalo.

 

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl giallo: creativo, energico, giocoso e positivo. Non molto in linea con situazioni logiche e strategiche, tipiche dell’ambiente lavorativo. Usatelo con parsimonia, una cravatta per l’uomo, gonna o vestito per la donna.

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl rosso: è il colore dell’amore, ma anche della collera, attiva le nostre cellule nervose. Come colore dominante per una cravatta o un abito.

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl rosa : tipico colore femminile. È utilizzato anche dagli uomini per la camicia.  Si tratta di un colore ciclico. Il rosa scuro (shocking) dimostra la voglia di attirare su di noi l’attenzione.

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl blu: calma ed empatia, senso di comprensione verso gli altri. Facile da abbinare.

 

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl marrone: è considerato dai più come un colore noioso. La pecca maggiore è che è normalmente associato all’ambiente rurale. Non adatto a un colloquio di lavoro.

 

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl verde: colore positivo, legato all’ambiente. Non adatto a tutte le carnagioni.

 

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teL’arancione: colore non proprio appropriato a un colloquio di lavoro. Viene anche associato al mondo della ristorazione. Una tonalità accesa però darà l’idea di una persona estroversa.

 

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl verde petrolio: un misto tra la serietà del verde e la professionalità del blu.

 

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl viola: un colore distinto, apprezzato da molti.

 

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl bianco: colore puro, indice di eleganza e di purezza. Chi lo indossa non ha nulla da nascondere (non è sempre vero).

 

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl beige: da l’idea di una personalità anonima, poco vivace. Specie se indossato dalla testa ai piedi.

 

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a teIl caramello: colore più intenso rispetto al classico beige. Arricchisca la personalità e ci dà più fiducia.

 

Dopo questo post, su cosa indossare a un colloquio di lavoro, spero di avervi dato qualche scelta in più. E spero molti dubbi in meno.

Se il colloquio è andato bene, leggete il post

98bf87b35972f1d18e487f16e524ba02_mediumDonna e ufficio. Come vestirsi al lavoro classico o informale

 

 

 

P.S. Voglio scusarmi con le signore o le ragazze che mi hanno scritto in post precedenti. Mi avranno preso per maleducata. Purtroppo ho un problema con la mail. Appena sistemata (non so quando. Il tecnico non riesce a risolvermi il problema) vi risponderò subito.belle

 

 

 

Colloquio di lavoro scopri il colore piu adatto a te?

 

 

Rivistabellepdf16-2 copiaVanityStyle

 


 

Pagina Prova fashion ALTRI POST FASHION VANITY

 

HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)

Mag 19, 2016 - Benessere e Salute    No Comments

CHE DONNA SEI. CHIEDILO AI TUOI CAPELLI

Pagina Prova b BENESSERE E SALUTE

tumblr_o1ciznnzJl1qzi2aeo3_r1_1280

 

Fifty-Shades-of-Grey-Stars-Havent-Signed-on-for-EL-James-Next-Grey-2“Mi guardo allo specchio, arrabbiata e delusa. Al diavolo i miei capelli, che non vogliono saperne di stare a posto.”

E. L. James

 

 

CHE DONNA SEI. CHIEDILO AI TUOI CAPELLI

Un forte legame unisce la psiche e la nostra chioma. Proviamo a interpretarlo. In alcuni casi resteremo forse un po’ sorprese.
vanitystylemag

belle631

 

Lettera blob esaminiamo diverse tipologie di capelli sia per taglio, lunghezza o colore.

 

CHE DONNA SEI. CHIEDILO AI TUOI CAPELLI

CHE DONNA SEI. CHIEDILO AI TUOI CAPELLI

♥♥ Cambi spesso pettinatura o colore?

Forse sei ancora alla ricerca di una tua precisa identità. Non pensare ciò sia male, tutt’altro. Hai voglia di sperimentare, conoscere, dare di te un’immagine sempre diversa. Sei allegra, aperta, socievole. I tuoi capelli esprimono il tuo umore del momento, come fai con una gonna o un abito.

 

♥♥ Sei sempre pettinata allo stesso modo?

Siamo di fronte a due possibili interpretazioni.

Sai chi sei, Il tuo taglio sempre uguale con lo stesso colore, esprime le tue sicurezze, il tuo equilibrio. Per ora non intendi cambiare.

Porti sempre la stessa pettinatura, forse hai paura di osare. Punti sempre allo stesso look per sentirti più sicura.

In quale delle due ti riconosci?

 

Ora prima di esaminare altri tagli o pettinature, proviamo a vedere il significato del colore nei capelli.

 

CHE DONNA SEI. CHIEDILO AI TUOI CAPELLI

 

Le bionde: Dominano il mondo del cinema, almeno così è quello che tutti immaginano. Se scegli il biondo, ti senti un po’ diva, volubile e sexy. Se giochi con l’idea di superficialità che questo colore crea, sei anche una donna molto intelligente.

 

CHE DONNA SEI. CHIEDILO AI TUOI CAPELLI

CHE DONNA SEI. CHIEDILO AI TUOI CAPELLI

Le more: Sei una donna che preferisce essere presa sul serio. Vuoi mostrare il tuo Io più autentico, ma anche la tua profondità e passionalità. Le more sono prese come un po’ algide. In realtà, parlo in prima persona siamo dolcissime, ma preferiamo proteggere il nostro lato intimo.

 

Le castane: L’equilibrio è la vostra sintesi, non estrose come le bionde, né misteriose come le more. Se scegli il castano, esprimi il tuo fascino con discrezione, svelandoti piano piano.

 

Le rosse: colore associato al fuoco, facile pensare alla passionalità. Se sei rossa naturale, puoi avere un carattere spontaneo e dolce. Se ti tingi di rosso, vuoi farti notare. La testa è la prima cosa che la gente nota di noi. Esprimi anche un carattere allegro e solare.  Il rosso specie nei secoli scorsi ha sempre avuto richiami… con la magia.

 

Avendo le idee un po’ più chiare sul colore, riesaminiamo altre pettinature.

 

♥♥ Porti la frangia?

Tutte da bimbe hanno portato la frangia. Averla da adulta vuol dire che ti piace giocare con il tuo lato infantile. Esprimi anche una buona dose di civetteria. In alcuni casi è necessaria per nascondere piccoli difetti del viso.

 

♥♥ Capelli corti?

Ami la praticità. I capelli corti mostrano un carattere grintoso e vivace. Un facile accostamento a una personalità che mette in risalto il proprio lato maschile.

 

CHE DONNA SEI. CHIEDILO AI TUOI CAPELLI

CHE DONNA SEI. CHIEDILO AI TUOI CAPELLI

Ami la disciplina e l’ordine. Ti piace apparire curata soprattutto nei dettagli, specie se leghi i capelli con code, chignon, o trecce classiche. Se l’acconciatura è elaborata, sei ricercata nel look e ami l’eleganza.

Siccome è il caso mio, concordo con tutto, tranne l’ordine e la disciplina. Sono una disorganizzata cronica!!!

 

♥♥ Capelli sciolti?

Prediligi un taglio lungo e scalato, o comunque voluminoso. Sei una persona libera e spontanea. Adori essere osservata, sei estroversa. Non disdegni spesso a lasciarti andare ai piaceri della vita. Non ami il controllo su te stessa, sia da parte tua, sia dagli altri.

 

Finita questa indagine semiseria, almeno io così la intendo, la morale è sempre la stessa.

CHE DONNA SEI. CHIEDILO AI TUOI CAPELLI

CHE DONNA SEI. CHIEDILO AI TUOI CAPELLI

Più che il taglio o il colore, cerchiamo di sorridere, di star bene con noi stesse, di essere radiose. Appariremo sempre belle e affascinanti a tutti.

 

CHE DONNA SEI. CHIEDILO AI TUOI CAPELLI

Pagina Prova b BENESSERE E SALUTE

 

Pagina Prova bALTRI POST BENESSERE E SALUTE

 

Rivistabellepdf16-2 copiaVanityStyle

 

 

 

 

HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)

 

Mag 18, 2016 - Cinema Vanity    No Comments

Pan Am Ragazze in volo P. 2

Peova Cinema CINEMA/TV

Pan Am Ragazze in volo P. 2

Pan Am Ragazze in volo P. 2

 

Bette Davis - by George Hurrell 1940 - The Letter“Io non rimpiango nessun nemico che mi sono fatto nella professione. Qualsiasi attore che non osa farsi dei nemici dovrebbe smettere di lavorare.”

Bette Davis

 

 

 

Pan am  Ragazze in volo P. 2

vanitystylemag

belle631

Episodi Precedenti. http://vanitystylemag.myblog.it/ragazze-in-volo/

Presentazione Pan Am http://vanitystylemag.myblog.it/donne-dal-cielo-per-cambiare-la-terra/

Pan am Ragazze in volo P. 2

Pan Am Ragazze in volo P. 2

 

 

Pan am  Ragazze in volo P. 2

Lettera blob allora ragazze, tutte pronte in tailleur blu elettrico, tacco 3,5”, e corsetto obbligatorio (capito Maggie) e voliamo con la Pan Am.

 

Nuovi episodi 4/7

 

Episodio 4

FOTOGRAFIE DALL’ORIENTE

 

Un cambiamento all’ultimo minuto sulla rotta prevista (Reykjavík Islanda) porta l’equipaggio a uno scalo non programmato a Rangoon, prima di raggiungere Jakarta in Indonesia. Maggie e Laura ne approfittano per visitare la città. Kate non approva il rapporto creatosi tra le due. In una vivace discussione litiga con la sorella.

Pan Am Ragazze in volo P. 2

Pan Am Ragazze in volo P. 2

La stessa Kate è poi avvicinata da Roger Anderson, agente al servizio di sua Maestà britannica. Il contatto le consegna una macchina fotografica. La ragazza là dovrà consegnare in una zona malfamata della città. Presa dalla bellezza del luogo, quasi salta la consegna, arrivando all’appuntamento all’ultimo minuto.

Ted viene a sapere tramite Tv e giornali che la NASA sta programmando nuove missioni spaziali. Il vice pilota né rimane molto turbato. Prima del lavoro in Pan Am, era un brillante ufficiale della Marina Militare Americana. Volava sui jet supersonici più all’avanguardia, ed era avviato a una brillante carriera. Alcuni episodi mai ben chiariti, lo costrinsero alle dimissioni e a un congedo con onore.

Le potenti conoscenze del padre gli permisero il lavoro in Pan Am, in qualità di secondo, e non come il ragazzo sperava come primo ufficiale. Tutti questi accadimenti portano Ted ad avere un violento litigo con Dean a causa di un difficile atterraggio all’aeroporto di Hong Kong. I due vengono anche alle mani. Ted si scaglia contro il primo ufficiale colpevole secondo lui di avergli rubato il posto. Non contento Ted pronuncia anche pesanti illazioni su come Dean abbia ottenuto il lavoro.

Al loro ritorno a New York i piloti si chiariranno e Dean racconterà a Ted, come nonostante la lunga trafila richiesta, sia riuscito a ottenere il posto più ambito.

Nel frattempo Laura, è rientrata nel suo appartamento a Brooklyn. Pensa di trovarvi Kate, la ragazza però è ancora con Maggie…

 

Episodio 5

UNA MONETINA NELLA FONTANA

Luglio 1963 Montecarlo

L’aereo Pan Am è in rotta verso Montecarlo. Tutto l’equipaggio è stato invitato a un lussuoso ricevimento. Durante il volo, sia Kate, sia Maggie, sono attratte da un passeggero Niko Lonza jugoslavo di stanza alle Nazioni Unite. Niko è accompagnato nel viaggio da una ragazza italiana che è in realtà una spia sovietica.

Pan Am Ragazze in volo P. 2

Pan Am Ragazze in volo P. 2

Per Kate, le cose si complicano, quando viene a sapere da un nuovo contatto, che il compito della sua missione è proprio quello di prendere le impronte digitali della spia. Nel corso del ricevimento con uno stratagemma riesce ad assolvere brillantemente la missione, prima dell’arrivo di Niko.

Non solo le due ragazze hanno una storia d’amore (si chiariranno e Maggie lascerà il campo libero a Kate). In un volo precedente con rotta New York Londra Dean ha conosciuto Ginny. Tra i due è scoppiato il classico colpo di fulmine. Con totale disappunto di Colette, da sempre infatuata del pilota.

Sul susseguente volo che lì porta a Montecarlo Ted, scopre che Ginny non è sola ma bensì accompagnata da Everett Henson un pezzo grosso in Pan Am di cui la donna ne è l’amante.

 

Nei giorni precedenti alla partenza per Montecarlo

Laura a New York torna al banco dei pegni per cercare di recuperare l’anello da lei lasciato due mesi prima. Scopre che è stato venduto. Con l’aiuto di Ted, si reca a Harlem per trovare l’acquirente. La ragazza spera così riconsegnando il pegno d’amore di chiudere definitivamente il rapporto con il suo ex fidanzato e promesso sposo, da lei lasciato il giorno delle nozze.

 

Episodio 6

QUALCOSA DI AUTENTICO

Agosto 1963

Pan Am Ragazze in volo P. 2

Pan Am Ragazze in volo P. 2

Maggie a causa della sua insubordinazione (si rifiuta tra l’altro di portare il corsetto obbligatorio per tutte) è veramente a rischio di perdere il lavoro. Sostenendo di parlare un fluente portoghese riesce a farsi assegnare al volo diretto a Rio De Janeiro con le altre Hostess, fuorché Kate. La direzione, infatti, non trova nella sua scheda un documento, la ragazza è costretta a rimanere a terra. Non è una mancanza casuale, il documento è stato sottratto dai servizi segreti, perché Kate serve a terra per una nuova missione.

Maggie in volo per Rio ripensa alle sue precedenti esperienze lavorative, tutte o quasi negative. Si ripromette allora di essere più disciplinata per cercare di conservare il posto in Pan Am.

Come detta prima Kate è a New York e non sa che la sua vita sentimentale sta per complicarsi. Avvicinata dal solito agente, le è richiesto di cercare di avere più informazioni possibili riguardo a Niko. La CIA, infatti, lo vorrebbe reclutare come proprio agente. L’hostess, si trova così in una situazione a dir poco imbarazzante, deve spiare la persona con cui da poco ha iniziato una bella storia d’amore e riferirne ai suoi capi.

Anche Dean e Ginny, continuano la loro tresca, nonostante la presenza di Henson ma fosche nubi sono per loro all’orizzonte.

Laura in aeroporto prima della partenza, è notata da un fotografo che l’immortale come ragazza copertina per la rivista Life. Sta per uscire, infatti, un importante servizio sulla compagnia.

La stessa Laura, sempre con Maggie a Rio, è arrestata dalla polizia durante un raid, accusata di furto e incarcerata. Qui Laura scopre che il portoghese di Maggie è tutt’altro che fluente. Chiamano Ted e con il suo aiuto, sono scarcerate. Il pilota ha corrotto gli ufficiali.

Maggie nel volo di ritorno capisce che la sua posizione è sempre più a rischio. Cerca allora di parlare una prima volta con Henson, ma ottiene un rifiuto. Disperata a New York, lo ricontatta dicendo che è in possesso d’informazioni molto importanti che lo riguardano.

Salva così il posto, ma deve imparare il portoghese.

 

Episodio 7

OBBLIGO E VERITA’

Pan Am Ragazze in volo P. 2

Pan Am Ragazze in volo P. 2

Maggie, Colette, Laura e Kate sono nel retro dell’aereo in attesa del decollo. Giocano fra loro a Obbligo e Verità, quando è il turno di Laura, la ragazza dice che ha posato nuda per una rivista. I rapporti, già tesi con Kate, (Laura ora abita con Maggie), diventano ancor più difficoltosi.

Arrivano dei passeggeri molto particolari, si tratta dell’equipaggio di un sommergibile della Marina Militare.  L’aereo, infatti, è stato requisito dal Governo e non ci sarà altra gente a bordo.

I marinai chiedono se durante il volo possono organizzare un piccolo addio al celibato per un loro commilitone. Nello svolgimento della piccola festa, Joe, un marinaio di colore chiede consiglio a Laura su un regalo che ha preso per la madre. Il ragazzo un po’ su di giri, a un certo punto la bacia. Laura ne resta irritata e turbata al tempo stesso.

Nel frattempo Colette, approfittando dell’assenza di Ted e dell’assistente, con l’aiuto di Dean ne approfitta per realizzare il suo sogno, confidato alle amiche durante il gioco prima della partenza. Pilotare un aereo. Dean le spiega come fare, la ragazza è felice, spera che tra loro ci sia di nuovo l’attrazione di prima… mentre per Dean la storia con Ginny si complica sempre più.

Pan Am Ragazze in volo P. 2

Pan Am Ragazze in volo P. 2

Tornate a New York, Maggie con le altre ragazze organizza una festa, tra cui a sorpresa per Laura c’è anche Joe. Il ragazzo è stato invitato da Maggie. Finita, la festa Laura viene a sapere che Maggie ha permesso a Joe di fermarsi a dormire sul divano, in attesa di prendere il treno il giorno successivo. Laura condivide così l’appartamento con il marinaio, chiudendosi a chiave nella propria camera al momento di andare a dormire.

Il mattino, Joe si scusa, Laura accetta e i due si chiariscono. Il padrone dello stabile però non ama la gente di colore. Laura per evitare guai invita Joe a un giro insieme per la città, permettendogli così di acquistare i biglietti per il viaggio.

L’America in quegli anni nutre ancora dei sentimenti razzistici, in stazione Joe è picchiato mentre cerca di difendere la ragazza da alcuni bulli della zona. Laura molto spaventata, con Joe sanguinante cerca allora rifugio dalla sorella.

La trova che sta uscendo, lei li invita a entrare e se ne va. Vuole, infatti, vederci chiaro, poche ore prima nel suo appartamento degli agenti hanno rapito Niko. I servizi le permettono di vederlo, i due si chiariscono, ma seppur innamorati, si debbano lasciare. Niko deve rientrare in Jugoslavia, Kate e le altre hostess, iniziano un volo chiamato Flight 2.

Una specie di giro del mondo…

Poca prima, Laura e Joe avevano condiviso un appassionante bacio.

pan_amhttps://www.youtube.com/watch?v=9gZwqTaLB4Y

 

 

Dovevo fare la hostess !!!. Ne sono sempre più convinta!

 

Pan am Ragazze in volo P. 2

Peova Cinema CINEMA/TV

POST CINEMA/TV VANITY

 

bellepdf16-2 copiaRivistaVanityStyle

 

 

 

 

 

HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)

 

 

Mag 11, 2016 - Fashion Vanity    No Comments

TUTTE IN CODA

Pagina Prova fashion FASHION

TUTTE IN CODA

TUTTE IN CODA

 

Paris_Hilton_3_CropVestiti bene dovunque tu vada, la vita è troppo corta per passare inosservati.

Paris Hilton

 

 

 

Rivistabellepdf16-2 copiaVanityStyle

TUTTE IN CODA

vanitystylemag

belle631

A ognuna la sua coda. Idee su come realizzarla. Semplice, raffinata, da star per non passare inosservata.

 

Lettera blob raccogliere i capelli, tutte lo facciamo, sia per comodità, sia per essere trendy e sofisticate. La coda di cavallo una delle acconciature che le donne preferiscono. È l’acconciatura ideale per sfoggiare ogni giorno con look e stili diversi.

 

TUTTE IN CODA

 

TUTTE IN CODA

TUTTE IN CODA

 

 

Coda di cavallo bassa

Legate i capelli facendo una riga laterale o centrale. Raccoglieteli aiutandovi con delle forcine. Se siete ricce, utilizzate anche il gel.

 

Dettagli eleganti nella coda

Avete in programma una cena o una serata elegante col partner. Per stupirlo e stupire arricchite la vostra coda con fermagli di strass e perline.

 

Coda a palloncino

Alternative o old style, questa dovrebbe essere la vostra coda. Legate i capelli con dei piccoli elastici suddividete la coda. Ciascuna sezione creata va cotonata e gonfiata, ricordatevi per un effetto glamour di estrarre alcuni capelli portandoli verso l’esterno.

 

Ciuffi sul viso

Adatta per serate chic, ma facile da fare. Create la vostra coda, estraetene i ciuffi. Lisciateli per bene e lasciateli cadere morbidi ai lati del viso.

 

Ciuffo cotonato

Siete donne che amate lo stile retrò. Quest’acconciatura è perfetta. Fate la coda, cotonate il ciuffo utilizzando la lacca, sistemate il tutto con delle forcine.

 

Tutte in coda

Anche le celebrities amano la coda. Ecco alcune acconciature, viste sulle passerelle o sui red carpet.

 

♥♥ French Pony Tail (Coda francese cucita)

TUTTE IN CODA

TUTTE IN CODA

Cucita proprio con ago e filo, ad altezza intermedia, così non servono gli elastici. Da usare filo in oro o argento, o della stessa tonalità dei capelli.

Il tocco in più: in coincidenza della riga laterale, creare una piccola treccia che continua sulla coda stessa, arricchita da preziosi ornamenti.

 

 

 

 

 

 

♥♥ Rock Pony Tail

TUTTE IN CODA

TUTTE IN CODA

Vi ricordate Barbarella. Una coda tutta grinta in stile amazzone alta al centro della testa. Inserite capelli posticci colorati a contrasto.

Il tocco in più: create dei contrasti cromatici tipo chiaro/scuro, biondo/rocco oppure caldo/ freddo.

 

 

 

 

 

 

♥♥ Posh Pony Tail

TUTTE IN CODA

TUTTE IN CODA

Una coda bonbot d’ispirazione anni Sessanta, con i suoi volumi sulla testa e la texture ben corposa. Elegante e ricercata. Ideale per serate speciali e romantiche.

Il tocco in più: la coda bassa è bloccata in tanti piccoli blocchi simmetrici, lungo tutto il suo perimetro.

 

 

 

E allora … tutte in coda.

 

Pagina Prova fashionPOST FASHION VANITY

HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)

Mag 5, 2016 - Benessere e Salute    No Comments

RABBIA ADESSO TI CONTROLLO

Pagina Prova b BENESSERE E SALUTE

woman-angry-img

 

jcl_pic_2“Il bene che assicuriamo per noi stessi è precario e incerto fino a quando non viene assicurato a noi tutti e incorporato nella nostra vita comune.”

Laura Jane Addams

 

 

 

RABBIA ADESSO TI CONTROLLO

Imparare a controllare la rabbia pEr vivere più sereni

vanitystylemag

belle631

 

Lettera blob un’emozione che tutti conosciamo molto bene. Le cause possono essere svariate, responsabilità eccessive sul posto di lavoro, lo stress che la nostra quotidianità ci porta, problemi personali che sono amplificati nella nostra mente super stressata.

RABBIA ADESSO TI CONTROLLO

RABBIA ADESSO TI CONTROLLO

Tutte queste e altre situazioni, sono la causa di attacchi di rabbia. Alle volte anche delle sciocchezze ci portano a provare questo sentimento, che siamo sinceri, ci complica parecchio anche la salute.

Oltretutto un umore altalenante, non può certo fare bene alle nostre relazioni personali con il partner o con i figli o i colleghi d’ufficio, e cosa più importante il nostro fisico è sempre più stanco e spossato.

La soluzione: cercare di controllarla così potremo essere un po’ più sereni.

Non è semplice lo so, sono la prima a pensarlo, però qualcosa possiamo fare.

Proviamo ad analizzare più approfonditamente il problema.

Quando lo scatto d’ira sta per arrivare, proviamo a fermarci e riflettere, cerchiamo di capire quali sintomi proviamo, sia fisici sia psicologici.

Con questo piccolo accorgimento, possiamo cercare di capire, quando il prossimo attacco di rabbia sta per arrivare, e magari riusciamo a scacciarlo o almeno attenuarlo.

RABBIA ADESSO TI CONTROLLO

RABBIA ADESSO TI CONTROLLO

In quei momenti cerchiamo di pensare in maniera positiva, di trovare nella nostra mente un’immagine o una situazione che ci possa donare serenità.

Per esempio un luogo in cui siamo state e che abbiamo molto apprezzato. Una spiaggia in un posto esotico, un paesaggio di montagna tranquillo e rilassante. Oppure qualcosa che amiamo fare per rilassarci, il classico the con conseguente chiacchierata tra amiche, o la palestra che tanto ci piace, sforziamoci di essere positive.

 

RABBIA ADESSO TI CONTROLLO

Ecco adesso due soluzioni le abbiamo, cerchiamo di utilizzarle al meglio.

 

    Appena sentite i primi sintomi, fermatevi qualsiasi cosa stiate facendo.

   Chiudete gli occhi e fate un bel respiro profondo.

   Visualizzate nella vostra mente l’immagine o la situazione che più vi piace. Continuate con un respiro profondo e ritmico.

   Piano piano vedrete che vi rilasserete e vi calmerete.

 

La vita però alle volte ci porta a delle situazioni in cui è però impossibile fermarci e fare questi esercizi.

RABBIA ADESSO TI CONTROLLO

RABBIA ADESSO TI CONTROLLO

La soluzione può essere d’allontanarci proprio fisicamente dal problema.

Cambiamo stanza, usciamo fuori da casa o fuori dall’ufficio, oppure facciamo una camminata. Smaltiremo così la nostra rabbia e potremo anche focalizzarci sull’immagine o sul luogo prescelto.

Gli psicologi, (tra cui anche l’amica mia, sono tutti suoi consigli) consigliano di crearci anche un nostro diario personale sulla nostra rabbia. Quando siamo rilassate, andiamo a rileggerlo e analizziamo le volte in cui ci siamo arrabbiate. Valutiamo caso per caso la situazione. Sì qua era giusto che mi adirassi, no qua sono stata sciocca, forse ero stressata, o stanca.

Analizzare la propria vita e le proprie emozioni è un modo razionale per affrontare il problema (citazione della psicologa).

Tutti poi, è bene ricordare che abbiamo bisogno di una valvola di sfogo. Può essere passeggiare, cantare a squarciagola come pazze, correre a perdifiato, andare in palestra e sfiancarci di esercizi. L’importante alla fine è di ritrovarci più tranquille e serene.

 

P.S. Post nato davanti ad una tazza di the, chiacchierando tra amiche, compresa la psicologa citata prima.

RABBIA ADESSO TI CONTROLLO

Pagina Prova b BENESSERE E SALUTE

 

Pagina Prova bALTRI POST BENESSERE E SALUTE

 

Rivistabellepdf16-2 copiaVanityStyle

 

 

 

 

HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)

 

 

Apr 28, 2016 - Fashion Vanity    No Comments

C’è una gonna per tutte!

Pagina Prova fashion FASHION

gonna-midi-come-indossarla

 

Rachel+Zoe+Long+Hairstyles+Long+Wavy+Cut+OZgvnw6NRMwlLo stile è un modo per dire chi sei, senza dover parlare.

Rachel Zoe

 

 

 

C’è una gonna per tutte!

Lettera blob amate le gonne ma spesso non sapete quale scegliere per valorizzare il vostro fisico e così vi rinunciate.

C’è una gonna per tutte!

Non disperiamo per ognuna di noi ci può essere quella ideale. Sia per chi ne ha gli armadi pieni, sia per chi ne ha poche, la loro sorte è sempre la stessa, stese lì sole solette nei più remoti angoli del nostro guardaroba.

È ora di indossarle per sentirci ancor più belle e ancor più femminili.

Tante si fermano ai pantaloni o agli adorati jeans, pensando che solo quelli possano nascondere i difetti. Anzi ritiene la gonna un capo che amplifica le nostre mancanze.

Niente di più sbagliato, ragazze e signore; il pianeta gonna è pieno di tantissime sfumature e possibilità!

 

Scopriamolo insiemE

C’è una gonna per tutte!

Per iniziare la ricerca sulla gonna che meglio ci si adatta, dobbiamo capire a quale tipologia femminile assomigliamo.

 

Donna con forma a Clessidra

Caratteristica: fianchi larghi

C’è una gonna per tutte!

C’è una gonna per tutte!

C’è una gonna per tutte!

C’è una gonna per tutte!

Un punto vita ben definito, e quando è in forma curve molto armoniose. Questa è la caratteristica principale della donna clessidra, o come si dice oggi curvy.

I fianchi esuberanti sono da sempre sintomo di grande femminilità, quella in voga negli anni 50 per capirci. Bisogna allora puntare su gonne con quello stile. Bene quelle a ruota e la pencil skirt. Sono gonne che ci permettono di valorizzare le nostre forme e di sentirci iperfemminili.

In particolar modo la pencil skirt, è perfetta per sentirci sexy e valorizzare le nostre curve.

 

 

 

 

Donna con forma a mela

C’è una gonna per tutte!

C’è una gonna per tutte!

Caratteristica: addominale rilassato

C’è una gonna per tutte!

C’è una gonna per tutte!

Le gambe è questa la parte che una donna a mela deve evidenziare. Se, infatti, nel suo girovita si accumulano alcuni kg; di troppo, le gambe sono ben tornite e scattanti. Su quale tipo di gonna deve allora orientarsi una donna a mela? Sicuramente su quella dritta e leggermente svasata, alta in vita e con una lunghezza a metà coscia. Una gonna così vi permetterà di mostrare le vostre splendide gambe, distogliendo l’attenzione dai vostri piccoli difettucci.

 

 

 

 

 

Donna con forma a rettangolo

C’è una gonna per tutte!

C’è una gonna per tutte!

Caratteristica: fisico androgino, poche curve

Siete tra le più fortunate, qualunque sottana indossiate vi starà bene. Per essere sexy la minigonna fa al caso vostro. I vostri fianchi stretti e le vostre esili gambe vi daranno un outfit da urlo.

C’è una gonna per tutte!

C’è una gonna per tutte!

Conosco diverse ragazze che si crucciano per la loro mancanza di curve. Niente di più sbagliato a voi è concesso di osare certamente qualsiasi tipo di fantasia, senza il timore che degli effetti ottici possano allargare la vostra silhouette.

 

 

 

 

Donne con forma a triangolo invertito

C’è una gonna per tutte!

C’è una gonna per tutte!

Caratteristica: seno prosperoso

Il seno prosperoso è la vostra caratteristica principale, una maglietta o una camicetta che non evidenzi in maniera esagerata il vostro ampio decolleté è sempre una scelta difficile.

C’è una gonna per tutte!

C’è una gonna per tutte!

Per la gonna, nessun problema, la parola è una sola osate. Una gonna dal colore acceso con un taglio originale e il problema del sopra sarà minimizzato.

 

 

 

 

Donna con forma a pera

C’è una gonna per tutte!

C’è una gonna per tutte!

Caratteristica: fianchi e cosce generosi

C’è una gonna per tutte!

C’è una gonna per tutte!

Sono le donne che più spesso rinunciano alla gonna. La loro perenne domanda è come vesto la parte inferiore del mio corpo. Una continua ricerca sui pantaloni, le porta spesso a indossare capi informi e assolutamente privi di ogni significato. La soluzione, scegliete una gonna a campana. Un perfetto stile che ben si adatta al vostro corpo e vi farà sentire a vostro agio e femminili.

 

 

 

 

 

Donna di bassa statura

Caratteristica: fisico piccolino

C’è una gonna per tutte!

C’è una gonna per tutte!

Se non siete particolarmente alte, scegliete gonne che risaltino il vostro fisico, non il difetto. Evitate quelle sotto il ginocchio o troppo corte, che vi evidenzia le corte gambe. L’ideale, gonne con lo spacco, ancor meglio con decorazioni in verticale.

 

 

 

 

 

 

 

Visto caro Amiche, come detto all’inizio del post, c’è una gonna per tutte.

 

 

Rivistabellepdf16-2 copiaVanityStyle

 

Pagina Prova fashionPOST FASHION VANITY

HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)

 

 

 

 

 

 

 

Apr 22, 2016 - Benessere e Salute    No Comments

SOS Casalinghe Disperate

Pagina Prova b BENESSERE E SALUTE

CASALINGHE-3-1000x600

 

anna-quindlen-3Quando i piatti li lavano gli uomini, si chiama “dare una mano in casa”. Quando i piatti li lavano le donne, beh… allora è la vita!

Anna Quindlen

 

 

 

SOS Casalinghe Disperate

vanitystylemag

belle631

 

SOS Casalinghe Disperate

SOS Casalinghe Disperate

Lettera blob pulire la casa! È forse il mestiere che ci pesa di più, non siete del mio stesso parere.

Alcune fortunate hanno il marito o il compagno che le aiuta. Sono le cosiddette mosche bianche.

Per la massa il quotidiano rapporto con scope, stracci e detersivi è puramente personale.

 

 

Lo sappiamo bene, quanto sono noiose, pesanti e non finiscono mai.

 

 

P.S. Esistono anche un altro tipo di donne, quelle che amano le pulizie. Non mi credete. Potrei farvi conoscere due amiche mie, che quando si trovano il discutere delle pulizie di casa è la fonte del loro parlare.

 

SOS Casalinghe Disperate

Questi piccoli consigli trovati in rete, penso possano aiutarci, a tenere una casa in ordine e pulita.

 

Pulire il frigorifero, prima di buttare la spazzatura

SOS Casalinghe Disperate

SOS Casalinghe Disperate

Una semplice idea, ma molto efficace! Il giorno in cui abbiamo programmato le grandi pulizie e quindi anche il frigorifero, si rivela sempre molto faticoso, forse tutto dipende da un’incapacità organizzativa? Per non ritrovarci a svuotare il frigo pieno di confezioni semi scadute o da avanzi di cibo, il trucco è semplicissimo. Quando dobbiamo svuotare la spazzatura, apriamo il frigo e controlliamo cosa possiamo eliminare. Facendolo ogni volta, eviteremo così il giorno delle grandi pulizie di ritrovarci il frigorifero pieno di avanzi di cibo e di prodotti ormai al limite di conservazione.

 

Inserire più sacchetti nella cesta o bidone della spazzatura

Alcune usano i bidoni della spazzatura senza mettervi il sacchetto. Si trovano così costrette a svuotarli del loro contenuto in altri bidoni o sacchetti. Poi a lavarli per riutilizzarli. Altre tra cui anch’io, mettono un solo sacchetto. Correndo così il rischio di ritrovarsi alla fine senza. A me capita spesso. La soluzione, inserire più sacchetti multipli. Ogni volta che ne buttiamo uno, avremo già pronto quello successivo. Con questo metodo, oltretutto ci accorgiamo se li stiamo finendo.

 

Bagno e cucina da pulire ogni giorno!

SOS Casalinghe Disperate

SOS Casalinghe Disperate

Lo so è dura, ma qui non c’è soluzione. Se vogliamo che il nostro bagno e la cucina siano in ordine, dobbiamo pulirli giornalmente. Se uscite tardi dall’ufficio e arrivate a casa stanchissime, abituatevi a tenere a portata di mano delle salviettine già umidificate. Una bella passata prima di andare a dormire vi eviterà di passare ore del fine settimana a pulire. Ovviamente se siete casalinghe disperate a tempo pieno, la pulizia deve essere molto più accurata. Le mie amiche lo fanno anche 4/5 volte.

 

Usare la carta stagnola per il forno

Rimedio semplice e ad alto vantaggio. Per non passare ore a sudare per pulire il forno sporco dall’arrosto o altro. Abituiamoci prima dell’uso a foderare il suo fondo con della carta stagnola. Noteremo che si sporcherà molto meno, e così potremo anche uscire con le amiche, ora che finalmente stanno iniziando le belle giornate.

 

Togliere le scarpe quando entriamo in casa

In pochi giorni vedrete la differenza. Le nostre scarpe anche se ben pulite sullo zerbino, sono un residuato di polvere non indifferente. Abituiamoci a levarle prima di entrare. Per ricordarcene, si possono tenere le nostre pantofole preferite in un angolo lì vicino alla porta.

 

SOS Casalinghe Disperate

SOS Casalinghe Disperate

In chiusura del post, ecco una foto di Bree (Marcia Cross), la mia preferita delle Desperate.

Ecco un breve trailer che la vede protagonista

https://www.youtube.com/watch?v=hFULK7G6Hjo

 

SOS Casalinghe Disperate

Pagina Prova b BENESSERE E SALUTE

 

Pagina Prova bALTRI POST BENESSERE E SALUTE

 

Rivistabellepdf16-2 copiaVanityStyle

HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)

 

 

 

 

 

 

Apr 20, 2016 - Libri Vanity    No Comments

Sushi per principianti di Mariam Keyes

Pagina Prova l LIBRI

41YTSdLnBPL._BO1,204,203,200_

 

Zevin_author_web_HR“È meglio stare da soli piuttosto che con qualcuno che non condivida la tua passione per la lettura.”

Gabrielle Zevin

 

 

 

bellepdf16-2 copiaRivistaVanityStyle

 

 

 

 

Sushi per principianti di MAriam Keyes

vanitystylemag

belle631

Lettera blob il motivo per cui ho acquistato questo libro? Mentre incuriosita, leggevo il sunto nella seconda di copertina, l’ambientazione in Irlanda e in particolar modo Dublino mi ha subito convinta. Innamorata come sono di questa città e della gente irlandese, in generale non potevo lasciarmelo sfuggire. Leggendolo, tenevo aperta la cartina della città, scoprendovi i luoghi raccontati. Riaffioravano così in me ricordi della mia vacanza irlandese, e in particolare nella sua capitale di parecchi anni fa.

La trama si sviluppa sulle vicissitudini di tre donne, in cui in un momento della loro vita i loro percorsi s’intrecciano proprio a Dublino.

 Lisa: (molto sexy, alta bionda con occhi azzurri) Direttrice di un noto giornale femminile, con la speranza di avere l’agognata promozione, che la porterà finalmente nella Grande Mela a dirigere una rivista ancora più glamour. Il capo sì un giorno la convoca, ma qui Lisa scopre, che lavorerà sì in una nuova testata, ma la sede anziché New York, sarà Dublino!

Per Lei è un vero e proprio trauma. Da buona londinese, Lisa considera Dublino poco più di una città di provincia. Ben lontana dalla vita frenetica cui Lei è abituata. Oltretutto Lisa ha sacrificato gran parte della vita privata al lavoro. Nella verde Irlanda però le risorse per il lancio della rivista sono ben scarse, e lei non può lavorare com’è abituata nei weekend, perché lo stabile rimane chiuso.

 

Sushi per principianti di Mariam Keyes

Sushi per principianti di Mariam Keyes

Sushi per principianti di Mariam Keyes

Sushi per principianti di Mariam Keyes

Ashling: (ragazza timida e impacciata, insicura) L’assistente personale di Lisa. Ragazza da poco licenziata da un altro giornale a seguito di una leggerezza. Ashling, cerca in tutte le maniere di compiacere il suo nuovo superiore, ma passa gran parte della sua giornata lavorativa nel panico totale. Si trova, infatti, a svolgere mansioni molto più impegnative, rispetto alla normale routine cui era abituata nel precedente ufficio. La ragazza è single, alla ricerca di un fidanzato. Non esita a consultare carte, oracoli e oroscopi pur di raggiungere il suo scopo. Si affida anche a un Buddha portafortuna che porta sempre nella sua capiente borsa. Soffre anche di paure compulsive che la portano a mettere di tutto nella sua borsa. Dai cerotti a un kit per il cucito, nel caso l’orlo della gonna si scucisse.

Clodagh: Bellissima donna amica di Ashling. Sposata con l’uomo che ha sempre amato e con due figli. Invidiatissima dall’amica per la sua vita che lei reputa meravigliosa. Clodagh, invece è totalmente frustrata e piena di paturnie, che la portano a sfogarsi con una continua ristrutturazione delle stanze della propria casa.

Dopo varie peripezie, alcune delle quali molto divertenti e in alcuni casi enigmatiche, le ragazze riusciranno a trovare uno sbocco positivo alla loro routine.

Questo vale per Lisa e Ashling, mentre Clodagh, seguirà un percorso molto più avventuroso e in alcuni casi sorprendente per risolvere la propria situazione.

Lisa scoprirà il valore dell’amicizia e delle relazioni sociali, mettendo la carriera in secondo piano.

Ashling, sposerà il mega direttore, trovando così una certa tranquillità che la porterà a rinunciare ai suoi riti, e al kit per il cucito. La ragazza finalmente si libererà anche del suo ingombrante portafortuna.

Clodagh, come ho detto prima, sarà costretta a fare delle scelte molto dolorose e in alcuni casi brutali, per uscire da quella vita che più non la soddisfa e che ha iniziato forse con troppa superficialità.

Sushi per principianti di MAriam Keyes

Sushi per principianti di Mariam KeyesCONCLUSIONI

♥♥♥♥ Che sensazioni mi ha lasciato. Indubbiamente positive. Il linguaggio è molto brioso e vivace, la fine arriva in un attimo. Specie per me che leggevo e sognavo i luoghi raccontati.

♥♥♥♥ Si potrebbe riassumere anche con l’eterna ricerca di noi donne del principe Azzurro. Solo Ashling ci riesce, l’autrice aumenta così in modo furbesco la speranza che l’amore alla fine arriva sempre per tutte noi.

 

♥♥♥♥ Una cosa che subito mi ha colpita è stato lo strano titolo. Leggendo il libro, l’ho vissuto come una metafora. Più volte mi sono ritrovate a pensare due parole come Amore e Vita che potevano essere messe nel titolo.

♥♥♥♥ Certo Amore per Principianti o La vita per principianti, sarebbero stati dei titoli meno originali. Ovviamente sono solo mie congetture, forse all’autrice suonava bene intitolare così il libro.

 

P.S. Il titolo deriva dall’abitudine di Lisa e del Gran capo di mangiare in ufficio nella pausa pranzo Sushi. Molto riluttante all’inizio, anche Ashlingh ne sarà coinvolta.

 

Sushi per principianti di Mariam Keyes

Sushi per principianti di Mariam Keyes

Mi hanno consigliato delle amiche, sempre della stessa autrice questo libro.

Qualcuna/o l’ha già letto?

 

 

Sushi per principianti di MAriam Keyes

Pagina Prova lALTRI POST LIBRI

HOME PAGE VANITY

 

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)

Apr 15, 2016 - Benessere e Salute    No Comments

Amicizia al femminile. Chiacchiere in libertà

 Pagina Prova bBENESSERE E SALUTE

The-Women

image-20151215-23198-10ijgfwSe è molto doloroso per te per criticare il tuo amico – allora devi farlo. Ma se stai prendendo piacere nel farlo, allora è il momento di morderti la lingua e tacere.

Alice Duer Miller


Amicizia al femminile. Chiacchiere in libertà

Pagina Prova bBENESSERE E SALUTE

AMICIZIA AL FEMMINILE PRIMA PARTE

 

Lettera blob d
opo vari tentativi andati a vuoto, sono riuscita a incontrare l’amica mia psicologa. Ne è nata una chiacchierata molto interessante e con
vanitystylemag

belle631

alcuni passaggi inaspettati. In questo post riporto le sue opinioni come risposta alle mie domande.

Amicizia al femminile. Chiacchiere in libertà

 

Amicizia al femminile

Amicizia al femminile

L’amicizia è una virtù femminile?

Il rapporto di amicizia è sempre stato ritenuto come l’espressione di un forte investimento affettivo. Questo è sempre stato ritenuto un patrimonio esclusivo delle donne. Gli uomini hanno sempre vissuto con uno spirito competitivo. Nella realtà l’amicizia è valida ed è un valore per tutti, uomini e donne.

Noi donne siamo amiche in modo diverso rispetto agli uomini?

Nei tempi passati era così, l’uomo coltivava la cosiddetta amicizia con l’A maiuscola. Una virtù per eletti, esercitata da persone di un certo lignaggio, si stringevano patti, si realizzavano accordi. A noi donne era riservata un’amicizia in ambito privato, quella del pettegolezzo e della chiacchiera, per capirci.

Amicizia al femminile

Amicizia al femminile

Però non puoi negare che noi chiacchieriamo?

Si è vero, in passato però le cose erano diverse. L’amicizia al femminile era l’occasione per le donne di esercitare il loro controllo sociale. L’arte del pettegolezzo e anche in alcuni casi della maldicenza, poteva rivelarsi dannosa per la malcapitata di cui si sparlava in termine negativo. Lei era considerata una poco di buono e quindi emarginata. Possiamo dire che le donne condizionavano la vita delle amiche attraverso le loro chiacchiere.

 

Erano solo pettegolezzi?

No l’amicizia fra donne sviluppava una vera e propria rete d’aiuto, spesso legata al quartiere, al paese, il tutto sviluppato in ambiti ristretti.

E oggi?

Molto è cambiato. Gli stili di vita, i modelli di comportamento, le condizioni economiche. Questo ha reso l’amicizia, un valore più espressivo, anziché strumentale come un tempo. Siamo più liberi, meno condizionati. Questo vale sia per l’uomo sia per la donna.

In che senso?

Ognuno sceglie le proprie amicizie in base alle preferenze. È molto diminuita la funzione di controllo sociale, abbiamo più possibilità. Non ci curiamo più di tanto del giudizio altrui, certamente in maniera minore rispetto al passato.

Ritornando all’amicizia al femminile. Come la possiamo caratterizzare oggi?

Potremmo riassumere così. Gli uomini fanno, le donne parlano. I maschi la sviluppano tramite delle pratiche di condivisione, come lo sport o un hobby. Noi donne siamo più espressivi. Ci fidiamo, ci confidiamo, ci affidiamo. Le nostre amicizie si fondano sulla cura e la fiducia. Valori tipicamente femminili.

Amicizia al femminile

Amicizia al femminile

Accudire in sintesi?

Da sempre la donna si prende cura degli altri. È il nostro patrimonio etico e morale. Sappiamo ascoltare. Io credo che lo psicologo, sia un mestiere al femminile.

Campo delicato, come fidarsi e come verificare questa fiducia?

Amicizia al femminile

Amicizia al femminile

Sul campo e con i fatti. Nella vera amicizia, deve essere incondizionata, dobbiamo essere sicure dell’altra persona. Se ci affidiamo alla sola speranza, la delusione è sempre in agguato.

Argomento delicato. La proverbiale invidia tra donne, le liti, gli sgambetti?

In parte sono luoghi comuni, in parte esiste. Siamo invidiose dell’amica bella, di quella fortunata. Proviamo sì dell’astio, ma anche uno sprone per cercare di emularla. Questo però accade anche agli uomini.

Anche gli uomini s’invidiano e si copiano?

In questa società basata tutta sull’apparenza la risposta non può essere che positiva. Sia l’invidia, come l’emulazione non ha sesso.

Quindi non è vero, che noi competiamo con le amiche, mentre gli uomini fanno squadra?

No, noi donne sappiamo fare squadra benissimo.

Amicizia al femminile

Amicizia al femminile

L’amicizia fra donne è davvero un valore così importante?

Spesso lo è. Pensa alle single, deluse dal marito fuggito con la ballerina o la segretaria di turno. Alle prese con i figli, l’ufficio, o alla perenne ricerca di un compagno. Un’amica ti offre una relazione serena, senza conflitti, si hanno cose ed esperienze comuni, tutto in un rapporto paritario e di condivisione. Noi donne abbiamo innata la capacità di parola e di ascolto. Ti posso dire chiudendo la nostra chiacchierata, che gli uomini se vogliono essere veri amici, devono imparare da noi.   Mi scuso se sono stata un po’ lunga Care Amiche, ma mi piaceva esporvi tutta questa nostra chiacchierata.

Amicizia al femminile. Chiacchiere in libertà

Pagina Prova bBENESSERE E SALUTE

AMICIZIA AL FEMMINILE PRIMA PARTE

Pagina Prova bALTRI POST BENESSERE E SALUTE

 

Rivistabellepdf16-2 copiaVanityStyle

HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare) https://www.facebook.com/vanitystyleB (per vedere copiare ed incollare)

Pagine:«12345678910...16»